Come si guadagna sul Mercato Forex


Photo by sxc.hu user svilen001

Per guadagnare sul mercato Forex abbiamo bisogno che esso si muova, come per tutti gli altri mercati.

Quando il mercato sale possiamo guadagnare comprando ad un prezzo e rivendendo ad una quotazione più alta.

La domanda che sorge spontanea è: qual è il momento giusto per comprare? Quando vendere?
La prima domanda potrebbe sembrare la più importante, ma la seconda lo è di più. Se avessimo sempre la risposta giusta allora saremmo tutti ricchi grazie alla borsa.

Per guadagnare al rialzo bisogna comprare un cross valutario quando pensiamo che questo possa salire nel corso delle prossime ore, giorni, settimane, o mesi, a seconda dell’orizzonte temporale della nostra operazione.

Si distinguono così operazioni di brevissimo termine, breve termine, medio, e lungo termine.

Le operazioni di brevissimo termine durano pochi minuti, quelle di breve alcune ore o giorni, quelle di medio alcuni giorni o settimane, e quelle di lungo possono durare alcune settimane, mesi, o addirittura anni.

Non possiamo sapere quando comprare grazie al nostro fiuto, non siamo certo Gordon Gekko nel film Wall Street, ma dobbiamo studiare quegli strumenti di analisi che ci aiutino a prendere delle decisioni operative.

Le quotazioni di qualsiasi mercato vengono tracciate su un grafico, creando uno storico sul quale è possibile fare delle analisi che diano indicazioni sui probabili movimenti futuri. L’analisi del passato ci aiuta a prendere delle decisioni operative. Attenzione, non si tratta della sfera di cristallo, ma è una questione di probabilità. A volte si vince e si guadagna, altre volte si perde. L’importante è controllare il rischio.

E’ il momento di chiarire una cosa, in borsa anche gli esperti perdono! E’ impossibile vincere su ogni operazione. Il trading è un lavoro di controllo del rischio.

L’operatività sul Forex, come in qualsiasi altro mercato, vede l’alternarsi di operazioni positive e operazioni negative, l’importante è il risultato finale, e cioè che il totale dei guadagni sia maggiore del totale delle perdite.

Facendo un esempio, un trader esperto potrebbe chiudere sei operazioni in perdita e quattro in profitto, guadagnando comunque bene. Magari incassa 1.000 € sulle quattro operazioni in guadagno e ne perde 300 sulle operazioni in perdita, per un guadagno totale di 700 €.

Operazioni long
Una classica operazione che punta a guadagnare sul rialzo dei prezzi viene chiamata long. Andare long significa comprare ad un determinato prezzo con la speranza di rivendere ad un livello più alto.

Operazioni Short
In borsa non si guadagna soltanto quando i prezzi salgono, ma anche quando scendono. Incredibile vero? Siamo abituati a pensare che si può speculare soltanto con i prezzi in salita.
Un’operazione di borsa che mira a guadagnare con il ribasso dei prezzi viene chiamata short. Semplicemente, si vende ad un prezzo con la speranza di ricomprare ad un prezzo più basso. Si guadagna sulla differenza tra il prezzo di vendita e quello di acquisto (ricopertura).
Ovviamente si va short quando, dopo accurata analisi, crediamo che il prezzo possa scendere.
Sembra un concetto difficile lo short, ma in realtà è molto semplice perché è l’esatto inverso di una classica operazione al rialzo, bisogna prima vendere e poi ricomprare.

Per chiarire il concetto facciamo un esempio. Il cross EUR/USD quota 1.4900 e crediamo che nelle prossime ore i prezzi scenderanno. Decidiamo di vendere, così apriamo la piattaforma e clicchiamo su “vendi”, ottenendo un eseguito al prezzo 1.4900.
Mettendo 10.000 $ ogni pip vale 1 $.
Dopo alcune ore il prezzo è sceso a 1.4790, ben 110 pips. Decidiamo di ricomprare, così apriamo Metatrader e clicchiamo sull’apposito tasto per chiudere l’operazione. Ecco che abbiamo guadagnato 110 dollari su un movimento ribassista.

Pubblicato da
Torna alla classifica dei migliori forex broker