Come Leggere un Grafico

Guardare un grafico di borsa per la prima volta è un evento affascinante ma che può mettere molta confusione. Tutto sembra difficile da comprendere, e figuriamoci guadagnare, sembra cosa per pochi.

Sebbene il trading online non sia l’attività più facile del mondo, è, come sempre, questione di studio e passione.

Un grafico di borsa è la rappresentazione grafica delle quotazioni. Ogni piccola oscillazione dei prezzi viene registrata su un grafico, formando così uno storico.

Sulla finestra troviamo la traccia dei prezzi e due assi, quella orizzontale che rappresenta il tempo, e quella verticale che rappresenta il prezzo.

Ci sono vari tipi di grafico, a seconda della quantità di informazioni in esso contenute.

Il grafico più semplice è quello lineare, dove vengono tracciati soltanto i prezzi di chiusura.

Grafico lineare

Ogni grafico viene settato su un arco temporale. Il grafico rappresenta la raccolta di informazioni di ogni intervallo di tempo su cui è settato.

Un grafico orario traccia prezzo di apertura, minimo, massimo, e chiusura, di ogni ora. Il grafico lineare sopra mostrato traccia soltanto i prezzi di chiusura di ogni ora.

Il tipo di grafico più utilizzato è quello costruito con la tecnica delle candele giapponesi. Ogni candela mostra prezzo di apertura, minimo, massimo, e chiusura.

Per avere un’idea di cosa stiamo parlando, prendiamo una candela e mostriamone i valori.

In questo grafico si possono notare un’insieme di candele, ognuna delle quali rappresenta l’andamento dei prezzi del cross EURUSD nel corso di ogni ora.

Il rettangolo verticale viene chiamato corpo della candela, e dà una veloce lettura dell’andamento del prezzo. In questo caso abbiamo una chiusura maggiore dell’apertura, quindi la candela presa in esame è rialzista.

Le candele bianche sono candele ribassiste, dove chiusura è minore dell’apertura.

Un’altra tecnica di rappresentazione grafica molto utilizzata è quella dei grafici a barre. E’ molto simile ai grafici a candela, e la quantità di informazioni è uguale. Infatti anche qui ogni barra racchiude valori di apertura, minimo, massimo, e chiusura.

Quello che cambia è la velocità con cui il trader può apprendere l’andamento dei prezzi. Nel caso delle candele giapponesi, con il corpo in mostra, basta un colpo d’occhio per capire la situazione.

Ecco di seguito lo stesso grafico di poco fa, ma a barre.

Ogni barra va ad aggiungersi a quelle precedenti, formando uno storico sul quale fare analisi grafica. L’analisi dell’andamento passato ci aiuta a prendere decisioni operative.

Lo storico può essere settato su vari intervalli temporali, detti time frame. E’ possibile analizzare grafici a cinque minuti, a 15 minuti, orari, giornalieri, e così via.

Pubblicato da
Torna alla classifica dei migliori forex broker